Ultime Notizie
LINK Lecce Coordinamento Universitario

L’ECCESSO DI FLESSIBILITA’ PREGIUDICA IL FUTURO DI NOI GIOVANI

“Negli ultimi giorni è ritornata protagonista del dibattito pubblico la discussione “articolo 18, si o no?”,  con l’ emendamento al Jobs-Act che intende superare le tutele previste dall’articolo 18.
Con questa proposta il lavoratore a tempo indeterminato non avrà nell’immediato  tutte le tutele previste fino ad oggi per questa figura, ma ne potrà godere solo dopo i primi tre anni. Ancora una volta si risponde alla disoccupazione eliminando le tutele acquisite negli anni e rendendo il lavoro sempre più precario.

Questo provvedimento si inserisce nel solco di una serie di riforme, che mirano a rendere più flessibile il mondo del lavoro dismettendo tutte le forme di tutela, non da ultimo la Riforma Fornero. Questa riforma ha sostituito il diritto al reintegro in caso di licenziamento senza giusta causa con una mera indennità.

Il governo, così facendo, supera “l’apartheid”  tra lavoratori garantiti e non e li rende uguali, ma al ribasso: si estende a tutti la precarietà e l’assenza di tutele e diritti. La storia degli ultimi anni però ci insegna che la flessibilizzazione del mercato del lavoro  è stata complice dell’ aumento del tasso di disoccupazione giovanile ormai superiore al 40%.

La flessibilizzazione del mercato del lavoro accanto al continuo smantellamento dei diritti e del welfare e il taglio di investimenti su settori come istruzione e sanità, completano un disegno politico che si traduce  nell’estensione di una precarietà sempre più esistenziale, che impedisce  a noi giovani di sognare un futuro migliore del presente.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *