Ultime Notizie
LINK Lecce Coordinamento Universitario

Caso ingegneria civile: inizia la protesta degli studenti. “E’ necessario che gli insegnamenti partano il prima possibile”

Nella mattinata di giovedì 10 marzo un’ampia delegazione di studenti del corso di laurea magistrale in Ingegneria Civile, accompagnata dai rappresentanti delle associazioni LINK Lecce e Freccia, dopo essere intervenuti in Consiglio Didattico, si sono recati in Rettorato per un confronto diretto con l’amministrazione riguardo la mancata attivazione di alcuni corsi della laurea magistrale.

Infatti, fino ad oggi, ben cinque insegnamenti del corso di laurea triennale e magistrale di Ingegneria Civile non sono ancora partiti.

Ciò comporta non pochi disagi per gli studenti, i quali saranno costretti a dover concentrare in minor tempo attività didattiche che necessitano di tempi più lunghi per essere adeguatamente trattate. Per gli insegnamenti di Meccanica Computazionale e Complementi di Scienza, propedeutici per gli insegnamenti del secondo anno, si corre il serio rischio di non riuscire ad individuare alcun docente disposto a coprire i corsi. Se le attività didattiche non dovessero partire, si renderà impossibile completare il corso di studi nei due anni previsti, questo causerà l’uscita fuori corso per tantissimi studenti, che a causa di inadempienze dell’università, saranno costretti a pagare tasse salatissime.

“E’ necessario che l’amministrazione intervenga in tempi celeri per risolvere il problema perché gli studenti non possono pagare tasse salate a fronte di un servizio che non viene adeguatamente erogato, basti pensare che del corso di laurea magistrale di Civile, solo un insegnamento su tre è partito – dichiara Emanuele Antonazzo rappresentante degli studenti  di Freccia e Link – è necessario che gli insegnamenti partano il prima possibile affinché la didattica venga salvaguardata e gli studenti non rischino di non completare gli studi per tempo. Auspichiamo, pertanto, che entro la settimana si possa avere una risoluzione dell’annoso problema che interessa in corso di laurea di ingegneria civile”.

Anche nella giornata di oggi la delegazione degli studenti ha continuato la protesta esponendo il problema legato alla didattica anche in Consiglio di Dipartimento di Ingegneria.

“Come Link Lecce siamo fortemente preoccupati della situazione. – dichiara Natalie Antonazzo rappresentante degli studenti di LINK e FRECCIA – Ci teniamo a ribadire che i gravi disagi didattici non creano danni solo agli studenti e all’immagine dell’università verso l’esterno, ma provocano anche un danno economico. I fondi ministeriali che vengono assegnati ai vari atenei dipendono dal meccanismo del “costo standard”, se aumentano gli studenti fuori corso, diminuiscono gli studenti iscritti, a causa dei trasferimenti presso altri atenei dovuti dalla grave situazione didattica, l’FFO assegnato al nostro Ateneo sarà sempre più basso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *