Ultime Notizie

Com’è cambiato il Diritto allo Studio negli ultimi anni: necessarie risposte tempestive dalla Regione

rivendicazione-iseemod

Secondo i dati ufficiali relativi alle graduatorie per le borse di studio il sistema dei benefici e servizi A.Di.S.U. è cambiato profondamente negli ultimi anni.

Quest’anno gli studenti leccesi idonei alla borsa di studio sono 3545, di cui 2162 studenti di anni successivi e 1383 matricole. Il numero di domande è tornato alla normalità, poiché è nettamente più elevato rispetto a quelle del 2015, un’annualità che ha rappresentato un’anomalia a causa dell’introduzione dei nuovi meccanismi di calcolo ISEE.

L’innalzamento delle soglie, richiesto dalla rappresentanza di LINK in CdA ADISU per rispondere a questa situazione, ha modificato la platea degli studenti idonei portandola da 2711 dello scorso anno a 3424 studenti oggi, mentre nell’a.a. 2014/2015 il numero di studenti idonei era pari a 3797. Il cambiamento dei requisiti economici, passati da 17.000 € a 23.000 € di ISEE e da 31.000 € a 50.000 € di ISPE ha rimediato a quella che rischiava di essere una vera espulsione di massa dal sistema del diritto allo studio, riportando la platea ai livelli del 2014 e consentendo a più studenti di usufruire dei rimborsi delle tasse, servizi e borsa di studio.

Per quanto riguarda i posti alloggio, rispetto allo scorso anno il numero di studenti richiedenti non è aumentato sensibilimente, poiché le domande sono passate da 323 del 2014 a 331 del 2016. Tuttavia, è ancora insufficiente il numero di posti alloggio presenti nelle case dello studente: infatti, se nello scorso anno tutti gli studenti fuori sede hanno ricevuto il posto alloggio, quest’anno alcune decine di studenti di anni successivi al primo rischiano di rimanere fuori dagli studentati.

Relativamente alle borse di studio, gli studenti sono ancora in attesa dell’erogazione. Analizzando la situazione degli ultimi anni, notiamo che nel 2014 la copertura è stata del 76 %, per gli anni successivi del 97 %, e per gli studenti del primo anno del 46 %, per un totale di 2888 beneficiari e 900 studenti non beneficiari a Lecce. Per ottenere la copertura totale quest’anno, come annunciato dall’Assessore regionale alla Formazione e Lavoro, Sebastiano Leo, occorre un grosso finanziamento, utile a impedire che ci siano idonei non beneficiari, come nel 2014.

Gli studenti hanno la necessità di ricevere in tempi brevi la borsa di studio, fondamentale per riuscire affrontare tutte le spese necessarie a vivere serenamente il proprio percorso di studi. Nelle prossime settimane saremo pronti a mobilitarci qualora non dovesse giungere una risposta tempestiva da parte della Regione Puglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *