Ultime Notizie
LINK Lecce Coordinamento Universitario

COMMISSIONE TASSE: E’ FUMATA NERA, L’UNIVERSITA’ NON SCARICHI LA NO TAX AREA SUI PROPRI STUDENTI

Oggi si è tenuta la Commissione Tasse per discutere della proposta da sottoporre all’approvazione degli organi collegiali. La Commissione non è giunta alla definizione di nessuna proposta, poiché l’amministrazione si è seduta al tavolo con l’intenzione di approvare una proposta a gettito invariato rispetto a quello attuale.

 

La discussione è partita dalla proposta presentata dai rappresentanti di LINK, a seguito del percorso avviato insieme agli studenti per la costruzione di un sistema contributivo più equo e che renda l’Università più accessibile. Infatti, la proposta di tassazione prevede l’estensione della no tax area agli studenti con ISEE fino a 15.000 €; l’introduzione di un tetto massimo a 1500 € per le tasse; una contribuzione calmierata fino ai 50.000 € di ISEE; l’eliminazione dei contributi aggiuntivi e delle penalizzazioni per i fuoricorso e la riduzione dei contributi di Facoltà.

 

“Consideriamo inaccettabile l’idea dell’amministrazione di mantenere invariato il gettito rispetto a quello attuale – dichiara Pantaleo Sergio, Consigliere di amministrazione Unisalento di Link Lecce – perché significherebbe applicare la NO TAX AREA e le misure di agevolazione previste dalla Legge di Stabilità soltanto a costo di aumentare significativamente la tassazione ad una parte notevole della popolazione studentesca”

 

Infatti, l’Ateneo beneficerà di un contributo MIUR per coprire le variazioni di gettito causate dalla riduzione della contribuzione studentesca e l’amministrazione, proponendo un’assenza di variazione del gettito, non solo traduce la riforma del sistema di tassazione in un appesantimento della contribuzione per tutti gli studenti, che non rientrano all’interno delle misure previste dalla legge di stabilità, ma andrà ad usufruire di un contributo, destinato proprio all’obiettivo opposto.

 

La volontà dell’amministrazione di disporre di un sistema di tassazione a gettito invariato, in antitesi con i principi della Legge di Stabilità, non può trovare una risposta nell’aumento delle tasse degli studenti. Pertanto, l’Università deve accettare una necessaria riduzione del gettito, se l’obiettivo è quello di tutelare gli studenti e rendere accessibile l’Università.

 

Il braccio di ferro che l’amministrazione deve intraprendere non è contro i suoi stessi studenti, per attuare una riforma delle tasse peggiorativa e che aumenti gli introiti all’Università, ma al più con il MIUR e in CRUI, della cui Giunta il Prof. Vincenzo Zara è componente, per ottenere maggiori risorse.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *