Ultime Notizie

APPELLO AI DOCENTI SCIOPERANTI

Scriviamo la presente per esprimere il nostro parere in merito allo sciopero dagli esami di profitto della sessione autunnale a. a. 2016-2017, a cui Lei, insieme ad altri colleghi in tutta Italia, ha aderito.

Noi crediamo che il blocco degli scatti stipendiali, imposto solo alla categoria dei docenti tra quelle dei lavoratori in regime di diritto pubblico non contrattualizzati, sia sintomatico non solo dello svilimento del ruolo del corpo docente universitario ma anche della delegittimazione dell’intero sistema universitario. Infatti la vicenda si inquadra all’interno di una politica complessiva che ha sempre maggiormente svalutato e attaccato il ruolo dell’Università e della Ricerca, come dimostrato dal drastico ridimensionamento dell’intero sistema universitario pubblico nazionale.

È pertanto necessario abbandonare la visione corporativa che alimenta la frammentazione e l’isolamento costante tra le componenti dell’università, provando a ricostruire un’unità di intenti di chi vive giornalmente, in forma diversa, le miserie dell’Università italiana.

In seno a questa riflessione generale si inserisce la richiesta che abbiamo presentato al Senato accademico, che si riunirà domani 28 luglio. Ritenendo che la forma di protesta non debba ledere la possibilità degli studenti di svolgere gli esami di profitto, né pregiudicare la partecipazione alle sedute di laurea, nella nostra mozione, chiediamo che in ogni Corso di Studi sia fissato un appello in più per gli insegnamenti in capo ai docenti aderenti allo sciopero, in modo che, laddove sia previsto un solo appello ordinario nel periodo di proclamazione dello sciopero, sia garantito un secondo appello dopo il quattordicesimo giorno dalla data dello sciopero, disapplicando, se necessario, le regole del manifesto degli studi dei corsi di laurea che fissano i periodi di svolgimento degli esami di profitto; che il secondo appello garantito dopo il quattordicesimo giorno dalla data dello sciopero, venga fissato non oltre la data di inizio delle sedute di laurea; che vengano prorogate eventuali scadenze relative alla consegna dei documenti di laurea.

In virtù della volontà di rilanciare quel fronte comune e unitario per la difesa del sistema universitario del nostro Paese, è fondamentale allargare la mobilitazione a tutte le componenti della comunità accademica per rimettere al centro il ruolo sociale dell’Università. A tal fine Le chiediamo la disponibilità ad incontrarci in qualità di rappresentanti degli studenti.

Link Lecce – Coordinamento Universitario

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *