Ultime Notizie

RESOCONTO TAVOLO TECNICO SUI TRASPORTI 17 GENNAIO

Schermata 2018-01-18 alle 01.38.14

Oggi 17 dicembre si è tenuto il Tavolo tecnico tra Comune di Lecce, Università del Salento, SGM e ADISU per il miglioramento del servizio dei trasporti ed il rinnovo della convenzione già esistente.

Abbiamo evidenziato la necessità che il Comune individui le risorse necessarie affinché si possano realizzare proposte sostenibili nell’ottica di un servizio integrato. Il trasporto pubblico rappresenta un servizio essenziale per i cittadini. La sua accessibilità, in termini di qualità e di costi del servizio, deve essere un obiettivo politico fondamentale nella strutturazione di un sistema di welfare realmente inclusivo.

Una mobilità economicamente escludente, soprattutto per la fascia studentesca e più in generale giovanile, che vive in una condizione di precarietà, non fa che creare ed incrementare la disparità, allargando a dismisura le differenze tra chi abita in centro e chi nelle periferie.

È inoltre fondamentale l’impegno preso dal comune nel rimodulare nel complesso la mobilità cittadina per renderla realmente funzionale alle esigenze di tutti.

Come LINK Lecce – Coordinamento Universitario abbiamo rilevato il problema del collegamento delle case dello studente dell’ADISU con le strutture universitarie, delle strutture universitarie tra loro e delle zone periferiche e dei collegamenti tra strutture universitarie e strutture ospedaliere e di primo soccorso. Nello specifico, attualmente le uniche linee che legano i salesiani alle strutture universitarie sono la linea 22, con una frequenza oraria di 60 minuti e la n.30 e 31, con una frequenza oraria di 40 minuti. Pertanto abbiamo proposto di implementare le corse, riducendo la frequenza oraria, e di estendere le agevolazioni anche per le linee sopraccitate. Abbiamo ottenuto la gratuità del percorso tra ADISU e City Terminal e la fermata di Porta Napoli, che sarà però resa effettiva con la sottoscrizione della convenzione. D’altra parte Sgm ha preso in carico la valutazione della nostra proposta di istituzione di una linea che colleghi le case e le strutture universitarie della città. Inoltre, molti studenti del Dipartimento di Beni Culturali lamentano uno scarso ed inefficiente collegamento diretto tra Via Birago 64 e gli altri plessi universitari quali Tabacchi, Studium e Codacci-Pisanelli, quindi abbiamo proposto la riduzione dei tempi per permettere agli studenti di poterne usufruire e la riapertura di una discussione per poter ottimizzare il servizio. La nostra ulteriore proposta è stata quella di istituire alcune corse notturne che colleghino i quartieri periferici e campus extraurbano con il centro della città.

Secondo Sgm il problema principale per l’attuazione delle nostre proposte è relativo all’ostacolo del chilometraggio al quale SGM deve attenersi nella definizione del percorso delle linee.

Relativamente alle nostre proposte sull’eliminazione delle barriere architettoniche c’è l’impegno da parte dell’azienda e del Comune di provvedere ad una risistemazione di tutte le fermate, con pensiline e illuminazione nuova, per permettere a tutti di poter avere accesso ai pullman, che, a detta delle due parti, sono già tutti dotati di un sistema apposito manuale per l’accessibilità ai disabili.

Abbiamo inoltre richiesto di individuare dei parcheggi ulteriori, oltre i 74 già previsti nella zona antistante l’area cimiteriale, gratuiti per gli studenti nei pressi delle strutture universitarie.

“La nostra principale proposta è stata quella di prevedere la gratuità dei trasporti per gli studenti. – dichiara Rosanna Carrieri, coordinatrice di Link Lecce – Non essendo però una proposta percorribile nel breve termine, abbiamo contestualmente presentato una soluzione di mediazione, ossia l’introduzione di un abbonamento annuale ad un costo accessibile per tutti. Abbiamo ritenuto fondamentale in sede di discussione presentare l’esempio della città di Bari, che prevede un abbonamento annuale per gli studenti di 70 euro, possibile per via di una somma ingente stanziata dal Comune. Secondo i nostri calcoli, se il Comune di Lecce investisse almeno 50mila euro per la convezione, sarebbe possibile replicare la buona pratica barese anche nella nostra città. In questo modo gli studenti potrebbero usufruire di un abbonamento accessibile esteso a tutte le linee, permettendo così anche un incremento dell’utilizzo dei trasporti pubblici”.

Qualora si riuscissero ad individuare cifre più alte da parte del comune, potrebbero prevedersi ulteriori agevolazione, come la gratuità dell’abbonamento per gli studenti con ISEE basso o come ulteriori riduzioni.

Inoltre abbiamo richiesto e ottenuto che al più presto venga data la possibilità di acquistare i biglietti online o attraverso app.

Riteniamo ora fondamentale che il Comune al più presto individui la propria strategia e dia delle risposte concrete per rendere effettivo il diritto alla mobilità.

 

Scarica il documento tecnico che abbiamo presentato, cliccando qui.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *