Ultime Notizie

APPELLO AGLI STUDENTI E ALLE STUDENTESSE: PER UN SALENTO APERTO E SOLIDALE

unisalento solidale 2

In seguito ai recenti avvenimenti che hanno visto 47 persone tenute in ostaggio a bordo della nave Sea Watch e agli episodi di violenza xenofoba drasticamente aumentati a causa dello sdoganamento delle più becere categorie di pensiero per mano della stessa classe politica attuale, è nata l’esigenza di strutturare una contro-narrazione, che sappia anteporre i principi di solidarietà e fratellanza a quelli di chiusura e paura dell’altro da sé.

Il sapere, l’università e la partecipazione studentesca devono essere le armi principali da utilizzare per combattere l’odio, l’indifferenza e la discriminazione. È necessario ripartire dall’Università, centro di cultura e formazione, per ricostruire quella coscienza civile e sociale che risulta essere violentata e insultata.
È fondamentale che siano gli studenti e le studentesse ad essere protagonisti di questo cambiamento che solo attraverso una reale partecipazione ed un costruttivo attivismo può essere portato a compimento. Rimanere inermi e passivi di fronte alle violenze perpetrate significa essere complici di un sistema che accentua diseguaglianza ed esclusione.
È ora di dire basta, di partecipare e di pretendere una società che basi i suoi principi sulla giustizia sociale.
Pretendiamo una reale inversione di rotta nel nostro Paese, ripartendo da temi centrali quale il lavoro, l’istruzione e la ricerca.

Per questo vi invitiamo a scendere in piazza il 16 febbraio per rivendicare l’identità del Salento come aperto e solidale, per chiedere porti aperti, un welfare adeguato ed universalistico che risponda ai bisogni delle persone, adeguato soccorso alle persone in difficoltà, corridoi umanitari, diritto ad una vita e accoglienza per tutte e tutti e canali di ingresso regolari per la ricerca del lavoro.

Per questo chiediamo alle studentesse e agli studenti dell’Università del Salento di sottoscrivere l’appello alla mail unisalentosolidale@gmail.com e di unirsi a noi nella giornata del corteo e nei momenti di confronto che avvieremo successivamente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *