Ultime Notizie

🌎 QUANTO NE SAI DI CAMBIAMENTO CLIMATICO?

WhatsApp Image 2019-11-07 at 19.29.42

Se non ora, quando? È quello che abbiamo urlato insieme a milioni di giovani, studenti e non, nelle piazze di tutto il mondo con lo scopo di ridare centralità al tema dell’ecologia, riportato all’attenzione dell’opinione pubblica grazie alla protesta iniziata nell’agosto 2018 da Greta Thunberg, ragazza attivista svedese che ha lanciato uno sciopero davanti al Parlamento di Stoccolma contro il cambiamento climatico, che ha riscontrato grande risonanza su scala mondiale con la nascita del movimento Fridays For Future.
Perché questa protesta? Un innalzamento anche apparentemente piccolo della temperatura media dell’atmosfera terrestre sta causando un drastico stravolgimento dell’assetto climatico in tutte le aree geografiche del nostro pianeta.
La proposta per contrastare il cambiamento climatico punta a stabilizzare la temperatura atmosferica, che secondo la comunità scientifica non può subire un innalzamento superiore al valore di 1,5 C°, poiché renderebbe la situazione irreversibile.
In particolare, a livello locale continuiamo a portare avanti e a sostenere le lotte contro gli impianti Arcelor Mittal (ex Ilva), Eni, Cerano e Tap e contro gli stabilimenti di smaltimento rifiuti che costituiscono dei grandi elementi inquinanti che lacerano non solo l’ecosistema, ma il nostro intero tessuto economico-sociale.

Vogliamo che il Comune e l’Università investano nella tutela ecologica, affinché al diritto allo studio si accompagni il rispetto dell’ambiente e la possibilità per tutt* di svolgere la propria vita senza danneggiare l’ecosistema.

Per questo motivo, l’ecologia intesa come diritto alla tutela del clima è uno degli 8 punti della nostra campagna “DIRITTI AL FUTURO” per la cittadinanza studentesca e la dignità della vita universitaria!
Perché un questionario? Perché il piano di rivendicazioni sull’ecologia deve essere costruito e presentato insieme agli studenti e alle studentesse: è necessaria una presa di coscienza reale di tutte e tutti dei diritti che abbiamo e di come ci vengono negati, per una denuncia collettiva.

Compilalo QUI!
(Il questionario è totalmente anonimo!)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *