Ultime Notizie
LINK Lecce Coordinamento Universitario

STUDENTI UNITI CONTRO LA CRISI

Siamo le studentesse e gli studenti che da oltre un anno non possono entrare nei propri atenei, che da oltre un anno frequentano le lezioni da soli, in una stanza, con la possibilità di interagire con i propri compagni o con i docenti solo tramite uno schermo. Da oltre un anno viviamo i disagi economici causati dalla pandemia, abbiamo abbandonato le città in cui studiamo, senza la certezza di tornarci. Alcuni di noi, coloro che hanno iniziato quest’anno, in università non ci sono proprio mai entrati e i propri compagni di corso non li hanno conosciuti.

Siamo le studentesse e gli studenti che si trovano a fare i conti con gli effetti non di una, ma di ben due crisi: quella economica e finanziaria del 2010, e la crisi pandemica tuttora in corso. Due crisi tra le quali è rimasto schiacciato anche il nostro futuro, con l’incertezza sia di riuscire a completare gli studi, sia di realizzare le proprie aspettative dopo la laurea.

Siamo le studentesse e gli studenti delle Università italiane, le Università sulle quali da anni e anni si fanno delle promesse ma senza un vero cambio di rotta: ci sono ancora tanti e tante che abbandonano gli studi perché il sistema di diritto allo studio non è abbastanza efficace e i finanziamenti insufficienti, o che non riescono a pagare le tasse universitarie.

Ora è arrivato il momento di rispondere a tutto questo, e per farlo tornare a creare solidarietà, confronto e comunità tra di noi.

Siamo le studentesse e gli studenti uniti contro la crisi: uniti contro la crisi attualmente in corso, perché abbiamo bisogno di dare risposte ai nostri bisogni e ai nostri problemi, uniti contro la crisi del sistema universitario, da anni tenuto all’ultimo posto nell’agenda politica.

Rivendichiamo la necessità di tornare ad investire in modo cospicuo su diritto allo studio, residenzialità studentesca, abitare; su didattica alternativa ed inclusiva; sul contrasto al digital divide e il ritorno graduale a una presenza in sicurezza; sul diritto alla salute fisica, psicologica e sessuale; sulla gratuità dell’Università pubblica, senza dovere pagare per raggiungere i propri sogni e desideri.

Vogliamo centralità: centralità nella discussione delle politiche che ci riguardano, centralità nella decisione rispetto la ripartizione dei fondi europei destinati all’Università, ed essenziali per raggiungere gli obiettivi che ci prefiggiamo, centralità nella messa in atto di misure nei nostri Atenei che ci permettano di proseguire nei nostri studi.

Siamo determinati a costruire le risposte alle nostre istanze, per riprenderci le nostre Università e il nostro futuro, senza essere considerati di serie B, senza dovere lasciare nessuno indietro. Siamo #StudentiUnitiControLaCrisi

LECCE: COSA VOGLIAMO

Da quando è scoppiata la pandemia, come rappresentanti degli studenti Unisalento abbiamo portato avanti una lunga serie di richieste che hanno coinvolto non solo l’Università, ma anche la Regione e il piano nazionale.

I provvedimenti presi dalle istituzioni, grazie alle pressioni degli studenti per fronteggiare la crisi, sono stati esigui e comunque la loro efficacia si è esaurita, perché per questo nuovo anno non sono state rinnovate gran parte delle misure straordinarie di sostegno per il diritto allo studio, nonostante la crisi sia tutt’altro che finita.

Per questo motivo abbiamo chiesto e svolto un tavolo di confronto con la Regione Puglia dove abbiamo presentato una serie di richieste per il benessere economico, fisico e psicologico degli studenti: clicca qui per leggerle tutte!

Inoltre abbiamo ottenuto a livello nazionale il semestre bonus, ovvero la possibilità per gli Atenei di prorogare la fine dell’anno accademico e aggiungere una sessione di laurea straordinaria che permetta ai laureandi di avere un’occasione in più per laurearsi nell’anno di corso, senza pagare la tassa di iscrizione e senza penalizzazioni sul voto di laurea. Ora però sta a Unisalento muoversi per rendere effettiva questa possibilità: per questo abbiamo già inviato lo scorso mese una mozione per aggiungere realmente sessioni di laurea straordinarie, inserire anche prove di ammissione aggiuntive ai corsi di laurea magistrale subito dopo la sessione, e aggiungere, laddove non ce ne siano, appelli d’esame prima della sessione stessa. Vogliamo ovviamente che tutte le scadenze (tasse, borsa di studio ecc.) siano adeguate alla nuova fine dell’anno accademico!

Parallelamente va avanti da ottobre il nostro lavoro per l’aumento degli appelli ordinari in tutti i Dipartimenti: attualmente la nostra proposta è in discussione in un gruppo di lavoro Unisalento in cui sono presenti anche i nostri rappresentanti, e su cui avremo presto aggiornamenti.

Abbiamo ottenuto la riapertura di diverse aule studio per permettere agli studenti di avere il proprio spazio universitario per socializzare, studiare e condividere esperienze in sicurezza e tranquillità. Auspichiamo che il rientro degli studenti nei propri spazi accademici sia presto una realtà, nel rispetto delle norme anticontagio.

Vogliamo risposte immediate dalle istituzioni perché gli studenti stanno pagando tutto il peso della crisi economica.
ATTIVIAMOCI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *